Mobbing e contrattazione collettiva nazionale

Al fenomeno del mobbing hanno dedicato attenzione anche le parti sociali, che vi hanno dedicato appositi spazi nella contrattazione collettiva nazionale. Nel settore pubblico, ad esempio, il mobbing viene definito come una serie di atti, atteggiamenti o comportamenti, diversi e ripetuti nel tempo in modo sistematico ed abituale, aventi connotazioni aggressive, denigratorie e vessatorie tali da comportare un degrado delle … Continua a leggere

Mobbing e INAIL

Sul tema del mobbing l’INAIL è intervenuto con la circolare del 17 dicembre 2003, n. 71, relativa a  “disturbi psichici da costrittività organizzativa sul lavoro, il rischio tutelato e diagnosi di malattia professionale, le modalità di trattazione delle pratiche”. (all.9) Il riconoscimento della competenza Inail in materia di mobbing è derivato da un lato dalla sentenza della Corte Costituzionale n. … Continua a leggere

Mobbing e normativa regionale

Vari legislatori regionali si sono occupati invece direttamente del mobbing. Dapprima la legge regionale del Lazio 11 luglio 2002, n.16, (all.4) recante disposizioni per prevenire e contrastare il fenomeno del mobbing nei luoghi di lavoro, che –con l’elencazione di atti riportata in premessa di tale lavoro- definisce mobbing (art. 2) “gli atti e comportamenti discriminatori o vessatori protratti nel tempo, … Continua a leggere

Mobbing e normativa nazionale

In Italia non esistono a oggi normative che disciplinano nello specifico il fenomeno del mobbing. Di molestie sul lavoro si parla nella disciplina, di rango legislativo e di derivazione comunitaria, antidiscriminatoria. Infatti, la nozione comunitaria di discriminazione, recepita dal nostro ordinamento nei decreti legislativi 215 e 216 del 2003, include le molestie e l’ordine di discriminazione (a prescindere dalla sua … Continua a leggere

Il mobbing

Il termine mobbing è entrato da tempo nel linguaggio comune e spesso viene utilizzato in maniera inadeguata per definire comportamenti o situazioni che poco riguardano il mobbing vero e proprio. Il concetto deriva dall’etologia, dove viene utilizzato per indicare un comportamento caratteristico di alcune specie animali, che circondano e assalgono un proprio simile allo scopo di estrometterlo dal branco, e … Continua a leggere

Coppia in crisi? A volte si tratta di mobbing familiare.

Negli ultimi tempi si è osservato che anche alcuni comportamenti, attuati nelle dinamiche relazionali coniugali e familiari e finalizzati alla delegittimazione di uno dei coniugi e alla estromissione di questo dai processi decisionali, siano riconducibili al mobbing. Recenti studi e ricerche, come quelli dell’Osservatorio Permanente Interassociativo sulla Famiglia e Minori dell’Istituto degli Studi Giuridici Superiori stanno portando oggi alla ribalta … Continua a leggere

Anche se le vessazioni durano pochi mesi è mobbing.

La Cassazione ha stabilito, con sentenza n. 22858 dell’11 settembre 2008, che anche chi ha subito vessazione per pochi mesi può avere diritto a un risarcimento del danno da mobbing tenuto conto che «se il vero mobbing non può realizzarsi attraverso una condotta istantanea è anche vero che un periodo di sei mesi è più che sufficiente per integrare l’idoneità … Continua a leggere

Mobbing, demansionamento, dequalificazione.

Il discorso sul mobbing e sulle altre vessazioni nei luoghi di lavoro, come demansionamento e dequalificazione, va necessariamente inquadrato all’interno di un più ampio discorso sul ruolo ricoperto dal lavoro nella nostra società. E’ sostanziale, infatti, rilevare che nella nostra cultura il lavoratore partecipa in maniera molto attiva alla definizione sociale e personale dell’individuo. Pertanto, intraprendere un’attività lavorativa nella nostra … Continua a leggere