Tabelle danno psichico

libro mio.jpg
Il mio studio per stabilire in che misura possa essere quantificata una menomazione permanente (cronica) all’integrità psichica (danno biologico psichico), nell’ambito del risarcimento del danno alla salute in responsabilità civile, utilizza le tabelle delle menomazioni psichiche che ho redatto e pubblicato in “Guida alla valutazione del danno biologico di natura psichico. Criteri, esempi, tabelle”, Franco Angeli, 2008.

Tali tabelle forniscono percentuali di riferimento per valutare l’incidenza delle patologie psichiche descritte dal DSM-IV R sul funzionamento globale della persona (psicologico, sociale, lavorativo) sottoposta a valutazione.
L’utilizzo di tali tabelle, che affianca e non sostituisce, in alcun modo, l’esame clinico approfondito, è utile nella determinazione dell’incidenza della patologia psichica rilevata sulla “validità” totale del soggetto valutato.
Infatti, la quantificazione della percentuale d’invalidità, legata a un sistema diagnostico stabilito, ne accresce il valore e l’attendibilità, e agevola la comprensione da parte dei giudici del modo in cui l’eventuale patologia psichica osservata incide sul funzionamento totale dell’individuo e quindi sulla sua “validità”.

 PER ACQUISTARE IL LIBRO, COLLEGATI A SINAPSY.IT

 

Lascia un Commento